MANIFESTO DEI VALORI ELIS

Scarica il Manifesto ELIS in pdf

L'acronimo ELIS si sviluppa nelle attività di Educazione, Lavoro, Istruzione e Sport. La formazione professionale è l’asse portante dei diversi enti che hanno realizzato quanto affidato dal Beato Giovanni XXIII all’Opus Dei: costituire a Roma un Centro internazionale per la gioventù lavoratrice nel quartiere Tiburtino - Casal Bruciato. Dalla nascita dell'Associazione Centro ELIS nel 1962, questo mandato si è sviluppato in diverse iniziative rivolte soprattutto a ragazzi e ragazze, ma anche ad adulti in cerca di occupazione o desiderosi di migliorare se stessi e le proprie organizzazioni. Senza discriminazioni di razza, religione o livello sociale, cattolici e non cattolici hanno collaborato e collaborano nell’ELIS per gestire a Roma e nel mondo scuole che preparano al lavoro, all’eccellenza professionale e all’esercizio delle virtù umane con una formazione personale completa.

Il risultato è un insieme di attività didattiche e formative che, in un ambiente al contempo esigente e accogliente, prepara giovani e adulti alle sfide della società contemporanea, con una propensione verso il bene comune e un atteggiamento di miglioramento personale continuo: è la materializzazione del concetto di “santificazione del lavoro”, proclamato da San Josemaría Escrivá, fondatore dell’Opus Dei, rivolto a tutti gli uomini e le donne del mondo.

L’elevata percentuale di successo nell’inserimento professionale immediatamente dopo il termine dei corsi ELIS testimonia l’efficacia della formazione e del rapporto con le aziende, soprattutto nel Consorzio ELIS, per soddisfare le reali esigenze del mercato. In questo modo si dà una risposta concreta alle necessità dei giovani anche per favorire la formazione di nuove famiglie sostenute dalla stabilità del lavoro.

 

Il valore del lavoro nella vita quotidiana

Senza clamore, crescendo a poco a poco: così si è sviluppato l’ELIS. Il lavoro è un cammino di arricchimento personale, di solidarietà sociale e di miglioramento di sé e degli altri. Il valore straordinario del lavoro in tutte le sue forme, da quello manuale a quello intellettuale fino al servizio prestato nella cura della casa e dell’accoglienza, è la ricchezza che tante persone hanno scoperto e scoprono nell’ELIS. "L’oro puro e i diamanti stanno nelle viscere della terra, non sul palmo della mano. La tua opera di santità – per te e verso gli altri – dipende dal fervore, dall’allegria, di questo tuo lavoro, oscuro e quotidiano, normale e ordinario" (San Josemaría Escrivá, Forgia, n. 741).

La formazione completa

La formazione umana è il filo conduttore delle attività ELIS: è un obiettivo primario da raggiungere contemporaneamente alla formazione professionale specialistica. Il rispetto e il richiamo ai principi fondamentali della dignità umana sono costanti punti di riferimento nell’organizzazione di qualsiasi attività. La molla delle diverse iniziative ELIS è l’ottimismo di fondo sulla persona. Ci si impegna perché si crede che attraverso lo sforzo di uomini e donne di buona volontà si può ottenere il miglioramento dei contesti sociali: la vera rivoluzione pacifica di cui c’è bisogno.

La responsabilità, necessaria per la vera libertà

La responsabilità non è un peso, ma la dimostrazione della vera libertà, nel valorizzare tutto ciò che si fa ogni giorno, anche quando sembra nascosto e insignificante. Nell’ELIS le persone ricevono fiducia e per questo condividono le responsabilità nella gestione della convivenza quotidiana, dalle piccole cose alle scelte più impegnative. "Non fare lo sciocco: è vero che – al massimo – hai il ruolo di una piccola vite in questa grande impresa di Cristo. Sai però che cosa significa che la vite non stringa abbastanza o salti dal suo posto? Si allenteranno pezzi più grandi o andranno in frantumi gli ingranaggi. Il lavoro rallenterà. –Forse si renderà inutile tutto il meccanismo. Che gran cosa essere una piccola vite!" (San Josemaría Escrivá, Cammino, n. 830).

I protagonisti

Chi lavora o collabora con l’ELIS aderisce al progetto formativo globale, qualunque sia la sua professione, manuale o intellettuale. Si sforza di lavorare bene, con correttezza, onestà, ordine, puntualità e atteggiamento di collaborazione, difende i principi alla base della convivenza umana (la vita dal concepimento al suo termine naturale, l’integrità della famiglia, il rispetto per l’autorità), sceglie le soluzioni ottimali per evitare sprechi sapendo di gestire denaro pubblico e privato affidato per fini precisi, cerca di “fare scuola” per insegnare quanto sa, senza tenere “segreti” i propri metodi o le proprie conoscenze, curando sempre il passaggio di consegne ai propri successori. Il sorriso e l'atteggiamento accogliente sono la manifestazione esterna di questo impegno nel mettere in pratica tutte le qualità umane. Il volontariato è particolarmente sviluppato come occasione di servizio. I volontari operano sia all'interno della struttura, contribuendo alla riduzione dei costi della formazione, sia all'esterno, in attività di assistenza a malati, anziani, tossicodipendenti, persone in situazioni di disagio, colpite da disastri naturali (campi di lavoro in occasione di terremoti), o in Paesi in via di sviluppo (campi di formazione per giovani).