Venerdì, 10 Luglio 2015
Centro ELIS
Via Sandro Sandri, 81

RASSEGNA STAMPA: 

Corriere delle Comunicazioni - 10 luglio 2015
Il Sole 24 Ore - 20 luglio 2015
Key4 biz - 22 luglio 2015
Abitare A Roma.net - 10 luglio 2015


Venerdì 10 luglio, presso il Centro ELIS, si è tenuto l’evento "ELIS Innovation day", giornata dedicata all’innovazione e alle nuove tecnologie.

Oltre 200 visitatori, tra referenti aziendali o semplici appassionati di tecnologia, hanno potuto visitare la fiera tecnologica nella quale i giovani allievi ELIS hanno, con grande entusiasmo, illustrato i progetti e i prototipi realizzati nel corso dell’anno accademico. 

Le invenzioni riguardano gli ambiti più disparati: dall’applicazione “SOS Pasta”, che genera ricette in base agli ingredienti disponibili in casa, all’interfaccia digitale per facilitare i processi produttivi di un’azienda con il conseguente risparmio economico, fino ai droni volanti  e alle nuove soluzioni per l’”Internet delle cose” (Internet of Things).

I progetti sono una dimostrazione concreta del contributo di creatività e innovazione che i “giovani nativi digitali” hanno portato nelle grandi aziende con le quali hanno collaborato. Marco Di Munno, studente del corso IT Systems Architect, spiega “Noi non trovandoci ancora dentro la grande azienda, non siamo focalizzati, non abbiamo la mente chiusa, non siamo rigidi. Abbiamo molta più creatività”. Prosegue Michele Mastrovito del corso Linguaggi e Tecnologie Multimediali “Portiamo nelle aziende semplicemente le nostre passioni, i nostri sogni e quello che in realtà vorremmo trovare nelle aziende”.

 

Nel corso della mattinata è stata presentata la nuova APP “Salvabimbi”, realizzata dagli studenti ELIS, che fornisce istruzioni facilitate per intervenire nei casi di soffocamento dei bambini.

Il dott. Marco Squcciarini, esperto in tecniche di primo soccorso, ha introdotto la nuova applicazione Salvabimbi “Oggi è un giorno meraviglioso. Nasce la prima app al mondo che può aiutare le mamme e i papà a salvare un bambino. L’incontro con ELIS è stato provvidenziale. Questi due meravigliosi ragazzi che hanno realizzato l’app hanno potuto raccogliere tutte quelle che sono le problematiche che accadono nel momento in cui c’è un’ostruzione delle vie aeree fornendo così la possibilità ai genitori di salvare il proprio figlio.” 

Il  referente di ITALTEL che ha sostenuto l’iniziativa, ha affermato “Abbiamo creduto fermamente in questo progetto, perché ci permette di dimostrare come le nuove tecnologie della comunicazione possono distribuire conoscenza e fornire un servizio alle persone. Questa esperienza ci ha permesso collaborare con il mondo della Scuola. Queste sono iniziative importanti a livello nazionale”.

Lorenzo Pisanelli, allievo del corso Linguaggi e Tecnologie Multimediali, che ha realizzato l’app, ha affermato “Abbiamo capito l’importanza del progetto e ci siamo impegnati  molto,  ci abbiamo messo tutta la passione che abbiamo.”

 

È seguita una Tavola rotonda dal titolo “Youth driven innovation -  il contributo di innovazione digitale dei giovani”, nella quale sono intervenuti i referenti aziendali di STMicroelectronics, Cisco Systems, Ericsson, Telecom Italia, IBM e Avid, i quali si sono confrontati sul ruolo che i giovani ricoprono nell’innovazione e sul contributo che possono portare nelle grandi aziende. 

Alessandro D’Auria di AVID – “L’innovazione oggi nasce anche dalla comunicazione. L’innovazione parte dal contenuto e il contenuto virale fa la differenza. Riteniamo che i giovani possono creare qualcosa di diverso, la viralità dei contenuti è accessibile sul web. Quindi chi oggi ha idee innovative per comunicare prodotti o modi di essere, sicuramente avrà una possibilità”.

Giuseppe Cinque di CISCO -  “Io volevo ricollegarmi all’idea dell’utente che diventa inventore. Cito spesso la storia della mountain bike che immaginavo fosse stata inventata da un designer, invece è stata inventata da un hippy che aveva bisogno di una bicicletta diversa per andare in montagna. I bisogni rimangono attaccati al luogo in cui si svolgono, non possono essere facilmente portati in laboratorio.  L’idea antica dell’innovazione fatta  in laboratorio c’è ancora, ma sempre di più l’innovazione è un’innovazione aperta che coinvolge gli utenti. E per molti prodotti l’utente è giovane. Questa è una delle ragione per cui si cerca di coinvolgere i giovani nei processi di open innovation. Noi utilizziamo la tecnologia per creare impatto sociale. Il focus dei nostri hackathon è quello della social innovation, un esempio è l’hackathon che si è svolto a Milano insieme agli studenti dell’ELIS.”

Daniela Biscarini di TELECOM – “Noi come azienda Telco siamo cavalcando il mondo dei servizi che nascono dai giovani, come per esempio la musica in streaming. Questo vuol dire che quando sviluppiamo i nostri servizi dobbiamo cercare qualcuno che ci guardi e ci faccia delle domande che noi non ci vorremmo proprio sentir dire. Perché come azienda sappiamo che ci siamo costruiti delle barriere anche mentali che ci impediscono di ragionarci. I ragazzi di ELIS oltre ad essere giovani sono anche molto preparati, e confrontarci con loro per noi ha un grande valore, perché hanno anche il coraggio di dirti che stai sbagliando tutto. Noi usiamo i giovani per sfidarci, per sfidarci tutti i giorni ad essere qualcosa di diverso e cambiare mentalità.”

Nunzio Abbate di STMicroelectronics – Il mondo dell’Internet of Things è qualcosa di molto complesso, soprattutto per un azienda come ST che deve essere necessariamente innovativa. Quindi dobbiamo avere necessariamente un contatto con i giovani, lo facciamo in diversi posti, non solo in Italia ma in diverse parti del mondo dalla West Coast fino all’estremo Oriente. Noi prendiamo le tecnologie disponibili, selezioniamo i giovani più in gamba e li portiamo in azienda, cerchiamo di aiutarli a fare il proprio business, come nel caso di ELIS dove la nostra opera, attraverso il nuovo laboratorio “Junior System Lab”, sarà un’opera di coaching, di mentorship insieme ai colleghi di ELIS. Formiamo i docenti, mettiamo a disposizione le tecnologia. Per 10 giovani assunti in ST ci auguriamo di averne 1000 che fondino la propria aziende. Noi crediamo molto nei giovani, è nel nostro DNA. I giovani sono fantastici, sono energia pura, il contatto dell’azienda con la realtà. Però c’è un piccolo particolare: cosa manca? Ai giovani manca l’esperienza. Per questo è fondamentale fornire ai giovani l’appoggio di chi ha più esperienza di loro, perché ha già combattuto in questo mondo”.

Antonio Autolitano di ERICSSON -    “Nello stand abbiamo un esempio di quello che facciamo, abbiamo creato una piattaforma che permette di connettere vari mondi: il mondo dell’impresa, dell’innovazione, del singolo, di essere connesso, di mettere a disposizione device, di mettere a disposizione le reti per la connettività. E questo permette di fare un salto. Scuole come l’ELIS, come le università, ci permettono di costruire questo tessuto connettivo. Per noi come Ericcson è bello tutto quello che si muove. E questo è un po’ lo spirito di questa giornata di promozione”.  

Fabrizio Renzi di IBM – Mi interessa molto cosa i giovani possono fare.  I giovani dovrebbero aiutare l’uomo a trovare uno scopo all’informatica, perché l’informatica sta acquisendo una sensibilità, mentre l’uomo la sta perdendo.

La mattinata si è conclusa con l’inaugurazione del  Junior System LAB, laboratorio di prototipazione rapida per la robotica e i sistemi intelligenti, realizzato grazie a STMicroelectronics che ha donato le attrezzature, e del  laboratorio di post produzione Multimedia Management realizzato con AVID.  

L’ELIS Innovation Day rientra nel calendario di eventi per il 50° anno del Centro ELIS. Durante questi anni più di 40mila persone hanno usufruito delle attività educative e della formazione al lavoro. Tra i corsi e le attività ELIS ci sono, per l’appunto, i corsi in nuove tecnologie nati con l’obiettivo di stimolare la creatività digitale dei giovani e far esplodere il loro potenziale di innovazione tecnologica per poter offrire, a loro volta, valore aggiunto nelle imprese in cui andranno a lavorare. Tutte le “creazioni” sono stati realizzate in collaborazione con le aziende che hanno seguito i ragazzi nelle varie fasi di sviluppo.

ELIS – Educazione, Lavoro, Istruzione, Sport (www.elis.org)

ELIS è una realtà educativa non profit, nata nel 1964, che ha al suo centro la persona e il lavoro. ELIS con le sue attività propone la professionalità come servizio al bene comune. ELIS si rivolge a giovani, professionisti ed imprese per rispondere al divario scuola-lavoro, alla disoccupazione giovanile e contribuire allo sviluppo sostenibile delle organizzazioni.

 

 

Agenda Evento: 

09.00 Registrazione e welcome coffee

10.00 Visita della fiera tecnologica con gli stand dei progetti

I visitatori potranno “toccare con mano” i progetti realizzati dagli studenti ELIS con Enel, General Electric, Barilla, Ericsson, Italtel, Unicredit, Telecom Italia, Vodafone, H3G, Sky, Arriva, Postel…

12.00 Saluto di benvenuto. Alessandro Rampolla, Direttore Generale ELIS

12.10 Tavola rotonda Youth driven innovation -  il contributo di innovazione digitale dei giovani”.
Si confrontano sul tema i referenti di STMicroelectronics, Cisco Systems, Ericsson, Telecom Italia, IBM, Avid

13.00 – Visita ai laboratori di prototipazione rapida per la Robotica e i Sistemi Intelligenti: Junior System LAB ELIS - STMicroelectronics  e Post Produzione Multimedia Management ELIS - AVID
 

13:45 Light lunch

Durante la mattinata sono previsti due appuntamenti imperdibili:

10.30 - 11:30 Presentazione ufficiale dell’APP Salvabimbi. A seguire lezione pratica sulle manovre di disostruzione pediatrica con il dott. Marco Squicciarini.

10.30 - 11.00 Droni in volo: Collaudo all’aperto dei prototipi realizzati

 

 

 

Clicca qui per ingrandire la locandina