Sabato, 18 Novembre 2017
Roma, Scuola Professionale Elis

ELIS College: il piatto forte del menu del giorno

Tre ingredienti da mescolare con cura e passione, sono alla base della ricetta del giorno: l'eccellenza didattica del Politecnico di Milano, un rapporto di reciproco investimento tra studenti e grandi aziende, l'educazione all'essere umano prima ancora che al professionista. 

ELIS College è servito. 

Nel giorno dell'inaugurazione del nuovo anno formativo, il filo rosso di Elis - che lega formazione, lavoro e identità della persona - si è srotolato tra gli oltre 400 partecipanti, raccontandoci ancora una volta una storia da ascoltare tutta d'un fiato. Ogni anno, decine di aziende scommettono su giovani provenienti da tutta Italia e – al fianco di ELIS - investono nella loro formazione. Prima ancora di diplomarsi, molti dei ragazzi hanno già un contratto di lavoro. E' la favola vera di Elis College che ogni anno raggiunge il 100% di inserimento lavorativo ad un solo mese dal diploma, consentendo a centinaia di studenti di guardare con fiducia al proprio progetto di vita.
E mentre i neo-diplomati prendono il largo, accolti dai CEO delle grandi aziende che hanno creduto in loro, altri arrivano: sono le matricole pronte a raccogliere la sfida che Ferruccio Resta, Rettore del Politecnico di Milano e ospite d’eccezione della giornata, ha lanciato senza mezzi termini: "Il nostro corso di laurea in ingegneria informatica è parte integrante del progetto educativo di ELIS College e vi aprirà molte porte, ma prima dovrete versare lacrime e sangue". 
E lacrime di altro tipo, sono scese sulle guance di molti presenti, quando Pierluigi Bartolomei ha presentato Youssei, ragazzo dagli occhi intensi, abituato a lavorare dall'età di 4 anni e oggi iscritto al Centro di Formazione Professionale Elis. Nei pomeriggi di Barbiana al Tiburtino Youssei ha conosciuto per la prima volta il Judo e se ne è innamorato. “Noi siamo proprio là – ha detto Pierluigi Celli, Presidente di Barbiana, già Direttore Generale RAI - dove c’è una distanza che tiene lontano un ragazzo dal suo progetto di crescita”. E il judo è solo una delle attività che Barbiana propone ai ragazzi del CFP nelle ore pomeridiane, quando spalanca le porte al quartiere per creare un'alternativa alla strada. Più di 100 volontari hanno aderito a questo progetto che – ama dire Pierluigi – “fruga nei talenti nascosti dei ragazzi e riaccende in loro il desiderio di volare alto”.

Spazio alle storie, dunque, nel giorno dell’inaugurazione dell’anno formativo. E una di queste è certamente quella raccontata da Luca Parnasi, l’uomo del nuovo stadio della A.S.Roma, che sta portando avanti un progetto per canalizzare su ELIS investimenti internazionali e rinnovare gli spazi dedicati all’Innovation Hub. “Per me – ha detto - è un onore far parte di questo progetto". L’Innovation Hub è il luogo in cui formazione e consulenza si incontrano creando un corto circuito tra studenti, giovani professionisti, startup, grandi aziende… tutti insieme allo stesso tavolo, facendo ricerca e sviluppo sui grandi domini dell’innovazione. 

Ma ELIS è anche riconversione professionale, consulenza dall’alto impatto sociale, un istituto di cucina e una ONG che fa formazione nel mondo. Per raccontare tutto questo, gli ospiti sono stati invitati a girovagare tra le aule e i laboratori, chiedendo direttamente ai nostri ragazzi il percorso e il significato di ogni progetto formativo. Nell’Open Door i corridoi si sono riempiti di quel chiassoso fermento che si percepisce, molte volte, nelle feste di famiglia, o nelle serate tra amici di vecchia data. E l’inaugurazione dell’anno formativo è un po’ questo, in fondo: un sentiero da percorrere con persone di cui ci si fida.  

Le aziende presenti: A2A, Acea, Campari, Cefla, Clemps, FS Italiane, IBM, Illy, Italtel, Olimpia Agency, Poste Italiane, SAS, Terna, Wind3, ENEL, Huawei, Inwitt – Cellnex, Trust Technologies – Olivetti, Way – Olivetti, Monk, Vetrya


Tutte le immagini su Flickr
La diretta della giornata su Twitter
Il racconto su Facebook

Per info, dubbi o approfondimenti scrivi a: comunicazione@elis.org