Mercoledì, 28 Marzo 2018
Acea
Piazzale Ostiense 2

Acea ha ospitato l’ultimo Inspiring Breakfast ELIS, un momento dedicato alla formazione etica rivolto a CEO e Manager di grandi e piccole aziende, con un tema discusso in 30 minuti, prima di iniziare la giornata lavorativa.

Dopo il benvenuto di Stefano Donnarumma, CEO Acea, Robert Gahl, professore associato di Etica Fondamentale della Pontificia Università della Santa Croce, ha introdotto il tema del giorno: “Humanitas, Humilitas e Honestas. Il valore dell’esempio personale”. In quest’ottica, Gahl ha trattato la tematica di genere analizzandola secondo le cosiddette “tre H”, focus del meeting.

La parola è poi tornata a Stefano Donnarumma, il quale ha dato via alle testimonianze dei dirigenti presenti portando il proprio esempio. Ha evidenziato la forza di una leadership femminile, sottolineando la necessità di evitare che questa si omologhi al modello maschile. Le peculiarità messe in campo da una donna vanno evidenziate, valorizzate, non allineate. «Rendere libere le colleghe di esprimersi senza binari, dando il meglio di sé ha dato un riscontro positivo. E voglio replicare il modello: ciò che di buono accade bisogna farlo diventare un esempio».

Il microfono è poi passato a chi ha voluto dare il proprio contributo all’incontro. Ha iniziato Virginia Filippi, presidente Cedel ELIS, che ha riportato la propria esperienza personale in chiave maternità e lavoro. Ha raccontato del bivio a cui ogni donna è chiamata quando deve scegliere tra vita professionale e vita famigliare. 

Federica Ciullo, già ingegnere meccanico per Ferrari, ora per Lottomatica, ha preso come esempio la figura della Madonna per rappresentare le tre H, aggiungendo la propria visione a “tre M”: mamma, moglie manager - situazione che molte donne vivono nel proprio percorso di realizzazione personale e professionale. 

Il Direttore generale LUISS, Giovanni Lo Storto, ha parlato del progetto Grow (Generating Real Opportunities for Women), nell’ambito del quale diverse studentesse hanno lavorato a fianco delle detenute del carcere di Lecce durante l’estate. Un esempio di volontariato come sacrificio personale, a disposizione del prossimo.

Daniele Grassucci, direttore di Skuola.net, ha parlato degli stereotipi di genere e della volontà di superarli. «Comunemente si pensa che le donne non siano predisposte per alcuni lavori, ma non è così. Ognuno deve liberare il proprio potenziale, dobbiamo tutti valorizzare la complementarietà tra i due sessi».

Pierluigi Bartolomei, preside della Scuola di Formazione Professionale ELIS, ha presentato due esempi per lui importanti. Il ricordo personale del padre e la costante attività in ELIS. «Abbiamo questa bellissima vista di Roma perché al momento ci troviamo in un piano alto, che abbiamo raggiunto in ascensore. Noi figurativamente dobbiamo accompagnare i ragazzi agli stessi piani, mettendoli in condizione di avere una visione altrettanto bella della realtà e del futuro».

Stefano Nocentini, dirigente Gartner, ha citato lo studio svolto dall'azienda per cui lavora su diversità, performance e redditività. I risultati hanno evidenziato quanto le aziende con maggiore diversity siano più produttive. Tale diversità, secondo Nocentini, si riflette anche nel “dopo”. «Andremo in Paradiso. Beh, lì ci saranno tutti. Prepariamoci ora alla diversità, per poterne godere dopo».

 

Un inizio giornata che ha sicuramente regalato molto ai presenti. Lo scambio di opinioni è continuato nella saletta preparata per la colazione, dove gli ospiti si sono confrontati a vicenda sorseggiando un buon caffè.

  

Guarda l'album fotografico dell'evento