INTER-GENERATION LAB: favorire lo scambio intergenerazionale per produrre idee vincenti.

29 Mar 2019 - 14:30

Inizia Inter-generation Lab: uno dei progetti applicativi di “Sistema Scuola Impresa”, che ha l’obiettivo di migliorare l’attitudine all’innovazione di dipendenti aziendali, studenti universitari e di istituti superiori, docenti e ricercatori universitari, attraverso l’acquisizione di strumenti e metodologie utili per la generazione di idee innovative grazie allo scambio intergenerazionale.

Partendo dalle “Challenge” delle aziende promotrici del percorso, il programma prevede una prima parte dedicata alla formazione che ha la finalità di trasferire ai partecipanti contenuti e strumenti di “Design Thinking 4 Creativity”. Le metodologie apprese verranno poi sperimentate dai partecipanti al Creathon in cui, divisi in 9 team multigenerazionali, si sfideranno in una gara di innovazione dove saranno impegnati a generare e selezionare le migliori idee per risolvere problemi aziendali reali.

Approfondisci qui.

FORMAZIONE ED OPPORTUNITA’ NELL’ERA DELL’INDUSTRIA 4.0:Corso di Alta Formazione in IoT Data Analysis & Security MIDAS

26 Mar 2019 - 13:30

FORMAZIONE ED OPPORTUNITA’ NELL’ERA DELL’INDUSTRIA 4.0

Corso di Alta Formazione in IoT Data Analysis & Security – MIDAS

Nel novembre del 2016, insieme a Cisco abbiamo dato il via al Corso di Alta Formazione in IoT Data Analysis & Security - MIDAS: percorso ha l’obiettivo di formare esperti nel campo della progettazione di sistemi IIoT (Industrial Internet of Things) e, arrivato alla sua terza edizione, oggi vede il coinvolgimento dell’Università degli Studi di Messina, di SAS e dell’Organismo di Ricerca LaChioccia.org. Nelle scorse settimane siamo stati ospiti dell'Università di Messina e dell’Università di Catania, per raccontare le potenzialità del Master e condividere riflessioni preziose sullo sviluppo e il futuro delle carriere del digitale.

Approfondisci qui.

 

ROADSHOW OPEN ITALY 2019

11 Mar 2019 - 20:30

Si è concluso il #Roadshow OPEN ITALY 2019, un viaggio esperienziale di 10 tappe, da Trento a Catania, tra nuove opportunità e contaminazione per parlare di innovazione e impatto sociale insieme a #Partner, #Corporate, imprese innovative e giovani #talenti del Sistema Italia.

#OpenItalyELIS

Leggi il racconto!

L’informatica: (non) è Roba per Donne?

5 Mar 2019 - 17:30

L’informatica è una materia creativa e interdisciplinare, che negli ultimi decenni ha cambiato radicalmente la nostra vita lavorativa e sociale. Eppure, nell’immaginario comune, l’informatica, il mondo del digitale o più in generale la tecnologia sono considerate “questioni” non legate al genere femminile. Basti pensare che fino a qualche anno fa di sviluppatrici in Europa ce n’erano solo il 10% del totale. Se si pensa che da qui al 2020 si creeranno due milioni di posti di lavoro a livello globale nel settore dell'Information and Communication Technology, ci rendiamo conto che le donne rischiano di perdere un'occasione davvero importante.

Per intraprendere studi nelle aree S.T.E.M, le ragazze devono abbandonare preconcetti e false percezioni circa queste discipline.

Abbiamo quindi pensato di dare un’accelerata in tal senso con il “PROGETTO NERD”, un percorso rivolto a giovani studentesse delle scuole superiori e che punta ad aiutare le ragazze a intraprendere percorsi di studio tecnico scientifici.
Durante il progetto un gruppo di studentesse, ricercatrici, imprenditrici affermate nel settore ICT racconteranno del loro lavoro, delle loro ricerche, delle loro passioni e ambizioni.

Le studentesse, inoltre, parteciperanno ad esercitazioni assistite e svolgeranno attività in autonomia con il fine di imparare in modo semplice, veloce e divertente ad utilizzare esempi di tecnologie innovative.

Le partecipanti lavoreranno in gruppo allo sviluppo di un proprio progetto che sarà valutato da un team di volontarie della Fondazione IBM Italia; coloro che presenteranno i progetti migliori parteciperanno ad un mini-stage di tre giorni presso l’IBM Client Center di Roma.

Gli incontri partiranno l’8 Marzo mentre l’“immersione” nel mondo della ricerca sarà organizzata a Luglio 2019, al termine della scuola.

Tutte le attività saranno svolte presso i laboratori informatici dell’Università di ELIS e attraverso l’impiego di strumenti e tecnologie IBM di ultima generazione.

Scommettiamo che è roba da donne?

PARTECIPA

Le professioni del futuro sono già qui, non facciamoci trovare impreparati

25 Feb 2019 - 11:00

Nuovo corso gratuito sull’Information Technology e sulla Cyber Security in collaborazione con ANSSAIF

Ogni individuo vuole sentirsi al sicuro: all'interno della propria casa, per strada, sul posto di lavoro. Ma oggi, la sicurezza si estende anche al nostro orizzonte digitale, che diventa uno dei luoghi in cui trascorriamo il maggior tempo della nostra giornata. Ecco perché la cyber security è così importante!

Il progresso e la pervasività delle nuove tecnologie ci portano verso innovazioni senza precedenti e il “cyberspazio” se da un lato rappresenta un’opportunità sconfinata, dall’altro ci mette in connessione con tutto ciò che è on line, aumentando i rischi di essere hackerati. La sicurezza della nostra identità digitale, che sia di una persona o di un’azienda, è la sfida cruciale di questi anni.

Non c’è da stupirsi se tra i mestieri del futuro quelli relativi alla cyber security, siano in cima alla lista. Eppure, a fronte di un’enorme richiesta da parte delle aziende, il personale qualificato che possa operare in questo settore è ancora troppo poco.

In collaborazione con ANSSAIF (Associazione Nazionale Specialisti di Sicurezza in Aziende di Intermediazione Finanziaria), abbiamo avviato un percorso, tramite il programma Cisco Networking Academy, che offre la possibilità ai giovani di accedere gratuitamente a corsi introduttivi sull’Information Technology e sulla Cyber Security, fruibili completamente online.

L’obiettivo del progetto è quello di formare giovani under36 senza occupazione o sottoccupati, che desiderano acquisire competenze di base nel mondo della cyber security, indipendentemente dalla città di residenza e dal titolo di studio, così da favorire il loro ingresso nel mondo del lavoro mettendoli in contatto con aziende potenzialmente interessate.

ELIS lavora ogni giorno per formare giovani alle professioni del futuro, definendo con le aziende partner i perimetri di innovazione del mercato professionale.

I giovani interessati, possono sottoporre la richiesta di iscrizione al seguente indirizzo: progettogiovani@anssaif.org . Riceveranno quindi un modulo via email da compilare, allegando un curriculum vitae aggiornato e corredato da foto personale. La Segreteria invierà tutte le opportune informazioni all’interessato.

Aiutiamo i ragazzi a realizzare i loro sogni

6 Feb 2019 - 19:00

Firmato il patto tra Scuola e Impresa, alla presenza di Salvatore Giuliano, Sottosegretario MIUR: “Aiutiamo i ragazzi a realizzare i loro sogni”. Presenti 142 Role Model, le influencer aziendali che parleranno a 100mila giovani in due anni. Approfondisci qui.

E’ stata inaugurata la terza edizione del programma Open Italy di ELIS

18 Dic 2018 - 13:00

È stato inaugurato, giovedì 13 dicembre, OPEN ITALY 2019: il programma che unisce Corporate, PMI, Startup, centri di ricerca, spin-off universitari e altre realtà innovative, insieme per creare progetti reali di co-innovazione.

Da sempre ELIS cerca di rintracciare e colmare quelle distanze che troppo spesso separano i grandi e i piccoli, ed è proprio in quest’ottica che nasce il programma Open Italy, giunto alla sua terza edizione.

Usando le parole Gianluigi Castelli, Presidente Gruppo FS italiane “Programmi di innovazione come OPEN ITALY possono mettere in relazione vari player e farli lavorare su temi che sono rilevanti non per la singola azienda ma per tutto il Paese”.

In questa prima fase del programma, abbiamo chiesto ai partecipanti quali sono i temi per loro più rilevanti e abbiamo ospitato all’inaugurazione ben 9 tavoli tematici, in cui si è discusso di: customer engagement, industry 4.0, social impact & circular economy, hr analytics, smart agriculture, predictive in-operation, cybersecurity governance, intelligent city, open& connected mobility.

È proprio dall’individuazione dei temi che interessano di più le aziende che si creeranno i team che realizzeranno i progetti di co-innovazione.

L’obiettivo è sempre lo stesso innovare insieme, perché è proprio grazie al contributo di numerosi player che in OPEN ITALY le aziende trovano “l’ambiente perfetto per portare a compimento progettualità che altrimenti richiederebbero percorsi molto difficili” (Marco Icardi, SAS italia).

Le novità per questa terza edizione non mancano, “lo spazio prende vita” grazie alla collaborazione con MySpotHub di eFM e Skipso, che supporteranno l’intera edizione nel disegno del contenuto e nella User Experience di tutti gli incontri fisici e digitali, attraverso una chat bot che supporterà i partecipanti durante gli eventi.

Inoltre, è stato annunciato che le nuove aree di competenza che nasceranno grazie alla partecipazione di ELIS come socio fondatore di ARTES 4.0, potranno essere utilizzate nel percorso di innovazione aperta lanciato da Open Italy 2019.

Questo è solo l’inizio di un lungo percorso, ma lo scambio di idee e il vicendevole arricchimento che caratterizza il programma si può dire già avviato!

Video Riassunto 2018

Le foto della giornata

Sei una startup innovativa? Candidati qui 

 

Giovani e lavoro, i nostri 50 anni di esperienza sono stati premiati: ELIS è uno dei soci fondatori del Centro di Competenza ARTES 4.0.

11 Dic 2018 - 15:30

Il progetto dei nostri fondatori immaginava ELIS non come una realtà chiusa, ma come un vero network di persone e di attività, capace di rispondere a bisogni sociali complessi e diversificati. Oggi dopo oltre 50 anni continuiamo a portare avanti questi valori favorendo lo sviluppo di idee e dialogo tra grandi e piccoli.

Il progetto Artes 4.0, promosso dal Ministero dello Sviluppo Economico, va in questa direzione e vede ELIS socio fondatore, al fianco di altre 22 realtà nazionali e internazionali, come la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e l’Università Campus Bio-Medico di Roma.

Il progetto prevede la costituzione di 8 Centri di Competenza ad alta specializzazione su tematiche dell’Industria 4.0, nella forma di partenariato pubblico-privato.
Proprio ieri la firma che ha ufficializzato la nostra adesione. Da adesso inizia la sfida di un network impegnato su tre fronti: orientamento alle imprese sui temi dell’Industria 4.0, formazione al personale e ai giovani e supporto all’innovazione.

“ARTES 4.0” inizierà ad operare nel 2019 dedicandosi alla realizzazione di progetti di ricerca applicata, di trasferimento tecnologico e di formazione sulla robotica avanzata e sulle tecnologie digitali abilitanti collegate.

Del network ARTES 4.0, fanno parte 13 fra università e centri di ricerca,146 imprese e 9 altri organismi, con una copertura completa del territorio nazionale e una proiezione internazionale su tematiche selezionate di alta specializzazione.

In linea con i nostri principi, l’obiettivo dei Centri di Competenza è quello di porsi da tramite e favorire l’incontro tra l’offerta di ricerca presente nelle Università italiane e la domanda di innovazione delle imprese.

 

TIM Box Hackathon Data Analytics

3 Dic 2018 - 16:30

TIM Box Hackathon Data Analytics, creatività e analisi dati per migliorare l’entertainment @home.

ELIS insieme a TIM, Movenda, Pangea Formazione e Crisma, ha organizzato la seconda edizione del #TIMBoxHackathon, il contest dedicato allo sviluppo di servizi basati sul Data Analysis applicabili al dispositivo TIM Box.

L’iniziativa ha coinvolto il mondo degli sviluppatori software e dei programmatori per stimolare la creazione di servizi innovativi utilizzabili attraverso il TIM Box, il decoder che consente di vivere al meglio contenuti e servizi, offrendo un'esperienza ancora più coinvolgente grazie alle nuove funzionalità introdotte.

Approfondisci qui.

Inaugurazione Anno Formativo - Nasce il Sistema Scuola-Impresa

19 Nov 2018 - 11:30

Consorzio ELIS - Nasce il Sistema Scuola-Impresa.
La firma di ACEA nel nuovo semestre di Presidenza. Il sostegno del Vice Ministro Fioramonti.
In arrivo 100 Role Model al femminile, le “influencer” d’azienda capaci di ispirare i giovani.

 

La galleria immagini: https://bit.ly/2QRu7sS

 

Il 54° anno formativo ELIS si apre nel segno di quel filo rosso che collega “grandi e piccoli” e che caratterizza da oltre 50 anni l’attività formativa di via Sandro Sandri, al Tiburtino. Nasce il Sistema Scuola-Impresa: più di 30 grandi aziende e 100 scuole in tutta Italia per ispirare, orientare e appassionare i giovani sul tema del futuro, partendo dall’esperienza diretta di oltre 100 professioniste d’azienda. Stefano Donnarumma, AD di ACEA e Presidente di turno del semestre ELIS, lancia il progetto “Sistema Scuola-Impresa” per contribuire all’innovazione del sistema educativo nazionale, mettendo al centro lo studente nella scoperta dei propri talenti e orientamento al lavoro. Tutto questo all’interno di un evento in cui gli studenti ELIS conseguono il diploma finale, vengono rinnovate le nomine degli oltre 100 Fellow e dieci buone notizie del mondo ELIS vengono raccontate da altrettanti giovanissimi.

Presente Lorenzo Fioramonti, Vice Ministro del MIUR, che plaude al Sistema Scuola – Impresa di ELIS. “Il Ministero farà da cassa di risonanza per questo progetto. Noi siamo pronti ad integrare nel sistema nazionale progetti pilota virtuosi, come questo”.

 

Roma, 17 novembre 2018 – La scuola del futuro inizia con un’assunzione di responsabilità da parte delle imprese, che si preparano a ricoprire un ruolo chiave nel processo educativo di circa 100mila studenti. “Molti di loro – dice Pietro Papoff, Direttore del Consorzio ELIS - non sanno ancora cosa vogliono diventare da grandi. Il bombardamento mediatico, i pregiudizi di genere, il fantasma di una crisi perenne allontanano troppo spesso i giovani dai loro sogni. È proprio lì che le aziende, con le loro persone, possono fare la differenza mostrandosi ai giovani, e chiedendo a tutti loro di non rinunciare ai talenti che sentono di avere”. Qui entrano in gioco le Role Model, oltre 100 professioniste che incontreranno gli studenti delle 100 scuole aderenti raccontando il proprio lavoro e il percorso umano e professionale.

“Per me la presidenza di ELIS rappresenta un impegno importante, da assolvere con dedizione e cura” ha dichiarato Stefano Donnarumma, AD di ACEA e neo Presidente del Semestre di ELIS, in occasione dell’inaugurazione dell’anno formativo 2018/2019 del consorzio. Donnarumma ha poi aggiunto: “La Business Community non vuole e non deve restare indifferente al tema della formazione dei giovani che si affacciano al mondo del lavoro, soprattutto in un contesto come quello attuale dove la tecnologia impone ritmi di apprendimento sempre più veloci e sfidanti. E’ con questo presupposto che con il percorso che si apre oggi, diamo il via al progetto Sistema Scuola-Impresa che si pone l’obiettivo di sviluppare il rapporto tra studenti e aziende. Le imprese del Consorzio - ha proseguito il neopresidente - hanno selezionato al loro interno 100 professioniste ambasciatrici, che ELIS ha battezzato Role Model per “ispirare” gli studenti che affrontano la difficile scelta dell’ingresso nel mondo del lavoro. Ciò avverrà grazie ad un programma di incontri presso Istituti scolastici in tutta Italia. La  finalità del progetto è guidare i giovani talenti alla cultura del lavoro creativo e sviluppare in loro le cosiddette soft skills, quell’insieme di qualità, quali il pensiero indipendente, il lavoro di squadra e l’empatia, che permettono di imparare ad imparare. In Acea abbiamo già attivato percorsi di formazione che coinvolgono il mondo della scuola, come il progetto Ideazione, in virtù del quale alcuni esperti e tecnici di ACEA hanno trasferito agli studenti delle scuole partecipanti, le proprie conoscenze e quei principi cardine alla base di un nuovo modo di fare impresa”. “Il mio auspicio - ha concluso Donnarumma - è che tali esperienze possano essere di ispirazione per il lavoro che con ELIS svolgeremo nei prossimi mesi”.

I temi principali dell’intervento di Lorenzo Fioramonti, Vice Ministro del MIUR.

“Lieto di essere qui, lo dico senza retorica. Un luogo periferico in cui la formazione fa la differenza per tutto il quartiere”. Alla domanda “come cambia la scuola?” risponde: “la scuola, ad oggi, non cambia. Rispetto a 100 anni fa tutto è cambiato intorno a noi, ma il modello scolastico è rimasto lo stesso. La sfida è concepire la formazione come un processo integrato. Non deve essere solo la scuola ad educare, altrimenti la carichiamo di responsabilità senza darle gli strumenti giusti. Deve aprirsi a tutte le componenti della società, per recepire e restituire input, proprio come fa ELIS. Vorremmo che la scuola fosse al centro di un ecosistema. Le aziende, in questo processo, ricoprono un ruolo importante. Possono dare e prendere molto dal rapporto con le scuole. Penso che gli studenti sappiano fare domande che i professionisti non si fanno più. Quelle domande sono fondamentali”. Sul progetto Sistema Scuola-Impresa: “Possiamo e dobbiamo collaborare. Il Ministero farà da cassa di risonanza. La nostra idea è integrare nel sistema nazionale progetti pilota virtuosi”.

Sistema Scuola - Impresa, della durata di due anni, avrà una parte “inspirational”, con le Role Model che incontreranno gli studenti e con eventi divulgativi e visite negli stabilimenti, e una parte orientata al trasferimento di competenze, con 4 focus specifici: digital soft skills, dialogo generazionale, valorizzazione del ruolo del docente, robotica e coding.

Questi moduli applicativi sono promossi da A2A, Acea, Accenture, Almaviva, Alstom, Arriva, Ashoka, Atos, Campari, Cattolica, Cefla, Cisco, Enel, Eni, EY, Generali, Hitachi, Iren, Italtel, Leonardo, Manpower, Open Fiber, Oracle, Poste Italiane, Rai, Randstad, Sas, Snam, Terna, Tim, Vodafone, Wind 3, in partnership con SDA Bocconi, Luiss,  Liuc, Università di Modena e Reggio, Fondazione RUI, Valore D, Skuola.net.

“Filosofia & Design Thinking”, un programma di formazione alle “digital soft skills”, che ha per finalità quella di inserire in azienda giovani laureandi/laureati in Filosofia e Scienze Umanistiche attraverso esperienze on the job.

“Fare Scuola”, il cui obiettivo è fornire ai docenti italiani strumenti all’avanguardia per formare gli studenti ad affrontare efficacemente il mondo del lavoro. In tal senso verranno messe a disposizione dei docenti non soltanto conoscenze ed esperienze, ma anche le sedi delle aziende coinvolte, avvalendosi altresì di competenze esterne per tematiche più specifiche.

"Inter-generation Lab", un progetto di formazione dei dipendenti, che si propone di migliorare l’attitudine all’innovazione delle persone in azienda attraverso la contaminazione di esperienze e conoscenze all’interno di team misti, formati da dipendenti, studenti, docenti di istituiti superiori e ricercatori universitari, valorizzando così la diversità intergenerazionale.

"Tech Camp", un workshop di robotica e coding dedicato ai figli dei dipendenti, che ha per obiettivo quello di avvicinare i ragazzi alle materie scientifiche e tecnologiche, stimolando in loro proattività e cultura imprenditoriale.

Ai progetti per il prossimo futuro fanno eco, nella ricca giornata di oggi, anche 10 buone notizie raccontate live da altrettanti studenti, di diversi ambiti formativi, con un focus specifico sul mondo del sociale, che da sempre caratterizza la mission di ELIS. Storie di ragazzi a cui l’esperienza di formazione in via Sandro Sandri ha cambiato la vita. Un passaggio di consegna tra quelli che chiudono il proprio percorso e quelli che sono appena arrivati.

“Innovazione e attenzione sociale sono le due direttrici intorno a cui è costruito l’intero progetto di ELIS. Il nostro obiettivo è consentire alle persone – specialmente quelle con meno possibilità - di disegnare il proprio progetto di vita partendo dal lavoro. Questo significa collegare studenti e aziende attraverso la formazione, mettere in contatto grandi imprese e piccole startup in tavoli di co-innovazione, intercettare le distanze sociali e cercare di annullarle offrendo ai giovani in difficoltà una prospettiva di rilancio personale e professionale”.  

A dirlo Pietro Cum, Amministratore Delegato ELIS.

 

Pagine