Submitted by a.sarnataro on Lun, 03/11/2019 - 21:20

 

OPEN ITALY 2019: 10 tappe tra dialogo, condivisione e nuove opportunità

Un viaggio esperienziale di 10 tappe tra nuove opportunità e contaminazione per parlare di innovazione e impatto sociale insieme a Partner, Corporate, imprese innovative e giovani talenti del sistema Italia.

Il programma di Open Innovation di ELIS si arricchisce di oltre 80 candidature di giovani talenti e 260 Startup/PMI Innovative candidate, proposte da +60 partner tra aggregatori, Centri di ricerca, Spinoff universitari e Poli d’innovazione.

Dopo aver intercettato i bisogni di innovazione delle aziende, OPEN ITALY ha invitato in ogni tappa i capi innovazione al fine di condividere la propria expertise e raccontare il programma, attraverso i progetti altamente innovativi sviluppati nelle edizioni precedenti.

"Ci vogliamo fidare di chi fa innovazione: abbiamo un miliardo e mezzo di risorse da investire in ricerca e sviluppo, direi che ci sono grandi opportunità per le Startup che lavoreranno con noi!" Il messaggio di Pierpaolo Gambini, Head of Technological Collaboration di Leonardo (ex Finmeccanica), ha aperto la prima tappa romana il 25 gennaio presso uno dei partner storici del programma, LVenture Group, nella sede di LUISS EnLabs.

Tappa successiva: Trento, il 30 e 31 gennaio. Una visita ingaggiante quella effettuata nel Polo della Meccatronica di Rovereto ospiti di Trentino Sviluppo e di Industrio, acceleratore partner del programma, e dell’Università degli Studi di Trento.

Il 7 febbraio OPEN ITALY fa tappa a Milano, centro strategico d’innovazione, prima città in Italia per numero di Startup. Ospiti di Cassa Depositi e Prestiti, il Team ha messo a confronto i maggiori venture accelerator ed innovation advisor del Paese. Un avvincente dibattito tra Cosma Panzacchi, Executive VP Digital Transformation & Technology SNAM, Marco Turchini Head of Innovation A2A e il carismatico Andrea Rangone, CEO Digital360. In platea SMAU, Italia Startup, Assolombarda, e-novia, tanti nuovi partner dell’edizione 2019.

Il tour si sposta a Torino il 13 febbraio, presso I3P, incubatore del Politecnico. In una sala piena, mondo accademico e PMI hanno interagito con il Team in una giornata di dialogo e condivisione. Interventi di Giancarlo Rocchietti, Presidente Club degli Investitori, Giuliana Mattiazzo Vice Rettrice al Trasferimento Tecnologico del Politecnico, insieme alle Corporate Terna, con Daniele Vitullo e DHL, con Massimiliano Del Bianco. 

Il 20 febbraio è la volta di Trieste presso Area Science Park: un’occasione unica per conoscere la sede dell’Elettra Sincrotrone, un centro di ricerca d’eccellenza internazionale. Grande valore aggiunto è stato dato da Gabriele Batani, Digital Transformation& Technology Manager di SNAM e dal CEO di InstantTechnologies Alessandro Paolini.

Il 21 febbraio è stato il turno di Bergamo, presso il partner Kilometro Rosso, parco scientifico tecnologico che ospita aziende, attività di produzione hi-tech, centri di ricerca e laboratori. A seguire Firenze, dai ragazzi di Nana Bianca, lo “startup-studio” di StartupItalia a vocazione internazionale.

Il Roadshow giunge nel sud Italia: ospiti a Catania, nell’Innovation Hub di ENEL e nel collegio universitario ARCES e presso l’Università di Messina. Insieme a tanti studenti appassionati di innovazione hanno aperto il panel Daniela Baglieri, ProRettore per il trasferimento tecnologico e Roberta Salomone, Presidente Centro Orientamento & Placement dell’Università Messina.

Con un’esclusiva visita presso l’Apple Academy insieme all’incubatore Campania Newsteel si conclude il roadshow 2019 a Napoli. Grande contributo è stato dato da ACEA, con il progetto ProsumerChain presentato da Carmelo Graceffa Innovation Manager e da Alessandro Chelli, Startup APIO.

Un percorso che ha portato a scoprire il vero valore del contatto sul territorio, conoscendo realtà diverse, da Trento a Catania, ognuno con le proprie peculiarità. Ogni tappa è stata un’esperienza di dialogo tra Aziende, Università, Partner, Startup/PMI e Giovani Talenti cogliendo l’entusiasmo ed il fermento di tutto l’ecosistema dell’innovazione italiano.

Il programma ha dato voce a grandi e piccole realtà, mettendole sullo stesso piano, raccogliendo input, spunti di valore e testimonianze dei protagonisti delle scorse edizioni.

"Per fare innovazione devi stare al centro del gioco, devi conoscere, devi giocare tanti palloni, devi intercettare e costruire ogni giorno ma soprattutto non devi aver paura di sbagliare!".

Queste le parole di Luciano De Propris, Program Manager di OPEN ITALY.

Grande avvio dunque, con le migliori aspettative per le prossime fasi del programma.

STAY TUNED!