prova
Home | Scuola | MATURITÀ 2021 – GUIDA ALLA SOPRAVVIVENZA

23 Febbraio 2021

MATURITÀ 2021 – GUIDA ALLA SOPRAVVIVENZA

Il tuo percorso di studi sta per terminare. Voltarsi indietro, scoprire quanta strada hai fatto, ammirare l’altezza raggiunta può darti le vertigini, vero. C’è ancora la vetta da scalare, però! E lassù in cima ti aspettano sette paia di occhi pronti a scrutarti, ad interrogarti e a riconoscere i tuoi meriti.

Niente paura e niente calo di ossigeno: sei già preparato per questo momento, devi essere consapevole delle tue capacità e… seguire ELIS per la tua scalata verso il successo!

SEI GIÀ PREPARATO PER QUESTO MOMENTO

Il colloquio d’esame verterà su un elaborato preparato dallo studente, integrato poi dalle richieste disciplinari della commissione. Prepara perciò un’esposizione chiara del tuo compito: un discorso è efficace solo se non è del tutto improvvisato. E anche se l’argomento di interrogazione viene scelto al momento, c’è molto che puoi fare per prepararti per tempo e affrontare questa sfida pronto per arrivare a un buon risultato.

Ora ti trovi a casa tua, ma immagina di essere al giorno dell’esame: dall’altra parte della stanza ci sono i sette commissari. Uno di loro ti allunga un foglio contenente un’immagine, una formula o un testo. Da lì parte la tua esposizione, che deve toccare quattro o cinque materie del tuo piano di studi.

Visualizza il contenuto di quel foglio: scegli un argomento da cui partire e prova a preparare una scaletta o una mappa con le nozioni che vuoi collegare ed esporre per dar mostra della tua preparazione.

Poi registra la tua esposizione sul cellulare e alla fine ascoltati: scopri i punti di miglioramento della tua spiegazione, rafforza la fluidità del discorso e motiva ancor di più le analogie trovate all’interno della tua argomentazione. Organizza un discorso ben strutturato ed evita di creare collegamenti forzati.

COME PARLARE IN PUBBLICO?

Sono 5 i consigli che possono migliorare la tua arte oratoria: sfruttali per infondere sicurezza alle tue parole.

INDIVIDUA COSA DIRE:

Trova le idee e scrivi su un foglio una scaletta o una mappa con i titoli degli argomenti di cui vuoi parlare.

METTI IN ORDINE QUELLO CHE HAI DA DIRE:

Dai una struttura al tuo discorso: prima un’apertura, nella quale annunci quello che stai per dire, poi il cuore del discorso (dalla fisica, alla storia, all’italiano…), infine la conclusione, nella quale riassumi quello che hai detto, in modo che resti impresso nella memoria di chi ti ascolta.

CURA LO STILE E LA FORMA:

Decidi che stile dare al tuo discorso (con esempi, dati, storie di personaggi) e decidi i tempi (quanto tempo in totale e quanto dedicare a ciascuna materia).

ALLENA LA TUA MEMORIA:

Prova molte volte il tuo discorso, prima da solo, poi di fronte a un amico o a un familiare. Non leggerlo, ma impostalo sulla scaletta che hai preparato (e memorizzato) e che ti serve da guida. Parla in modo fluido, facendo delle pause per sottolineare i concetti importanti.

RECITALO COME SE FOSSI SU UN PALCOSCENICO:

Registrati e riascoltati, individuando i tuoi punti deboli. Puoi renderti conto che non scandisci bene le parole, o usi troppi intercalari o altri suoni riempitivi come «ehmmm», «aaah». Se fai un errore, non fermarti a commentare, correggiti e vai avanti.

PREPARA IL COLLOQUIO PERFETTO

Prepara un percorso a partire da un argomento a scelta – può capitare lo chiedano. Sfrutta questa occasione: imposta l’esposizione su uno degli argomenti su cui ti sei allenato.

Se invece – come più probabile – ti propongono un documento, rifletti il tempo necessario: concentrati, immagina mentalmente una scaletta e… in bocca al lupo!

Condividi