Il Ministro Vittorio Colao incontra studenti e professionisti in ELIS

Il Ministro per l’Innovazione Tecnologica e la Transizione Digitale, Vittorio Colao, ha visitato oggi il Campus di ELIS a Roma. Insieme all’Amministratore Delegato, Pietro Cum, e al Direttore Generale del Consorzio di aziende ELIS, Pietro Papoff, il Ministro si è intrattenuto con studenti e professionisti presso le strutture dedicate alle attività di formazione e consulenza dell’ente non profit.

Colao ha dialogato a lungo con gli studenti del Corso per giuntisti di fibra ottica realizzato da ELIS in collaborazione con Open Fiber. Uno scambio intenso di domande e risposte sul futuro del lavoro, le difficoltà e le opportunità per i giovani d’oggi di costruirsi un futuro attraverso l’acquisizione di competenze, e il compito delle aziende di riuscire a realizzare con le nuove generazioni di professionisti dei progetti a lungo termine, che diano stabilità agli obiettivi di sviluppo del Paese.

“ELIS ha accolto il Ministro con il suo carico di energie e laboriosità – ha dichiarato Pietro CumStudenti, Pionieri del progetto Smart Alliance, CEO e direttori HR delle aziende consorziate, giovani da tutta Italia che qui inseguono un sogno e toccano con mano l’opportunità di generare valore per gli altri”.

Il Ministro per l’Innovazione Tecnologica e la Transizione Digitale si è soffermato a lungo anche con i team di ELIS Innovation Hub, la struttura di ELIS dedicata alla consulenza alle aziende e alla formazione dei giovani sui fronti dell’open innovation e della transizione digitale.

“La visita oggi a ELIS è stata molto confortante – ha dichiarato il Colao – Ho visto ragazzi che tra qualche mese saranno in giro per l’Italia a posare fibra ottica. Giovani impegnati a studiare la progettazione delle reti. Laureandi e laureati che stanno lavorando a progetti molto innovativi in diversi settori industriali. Ma soprattutto ho visto lo spirito che deve animare l’Italia nei prossimi anni. Da una parte la collaborazione tra le aziende e gli enti formatori. Dall’altra, la visione integrata di cosa vuol dire dare un futuro ai nostri ragazzi: dare loro un lavoro e delle competenze, ma anche ottimismo e quel bagaglio culturale che li accompagnerà per sempre”.

Un confronto sul futuro della formazione

Nel corso della visita Vittorio Colao ha incontrato anche i rappresentanti di alcune delle oltre cento aziende che compongono il Consorzio di aziende impegnate con ELIS in programmi di formazione e in progetti di sviluppo a responsabilità sociale. Quali sono le ragioni che hanno spinto le aziende a consorziarsi con ELIS e quali gli ostacoli che vanno rimossi per facilitare la replicabilità di queste esperienze di collaborazione in tutto il Paese? Su questi interrogativi il Ministro ha insistito nel chiedere risposte ai presenti. 

“In ELIS abbiamo sempre riscontrato un mix virtuoso di competenza e investimento sulle competenze, che per noi sono fondamentali – ha spiegato Rossella Gangi, Direttrice Risorse Umane di Windtre – Il tutto unito a un fortissimo valore sociale. Senza dimenticare che in ELIS c’è anche tanta, tanta innovazione: sono una bella fucina di idee e ci aiutano a sviluppare il pensiero laterale”

Un impegno che evidenzia anche delle sfide da vincere: “Vorremmo coinvolgere ancora più giovani nei nostri progetti di formazione e consulenza, ma non è facile – ha sottolineato Luigi de CostanzoManaging Director di ELIS Innovation Hub – Soprattutto con laureandi e neolaureati siamo impegnati a realizzare percorsi professionalizzanti a partire da corsi di laurea che non hanno impiegabilità immediata. È fondamentale aiutare i giovani a comprendere quali siano le competenze e le professionalità che davvero possono garantire loro un futuro”.  

Sono oltre 2.500 i giovani che ogni anno trovano inserimento nel mondo del lavoro attraverso i percorsi di formazione di ELIS. Doppio è il numero di persone che si avvale di corsi di aggiornamento professionale o riqualificazione. L’attività formativa è sviluppata in stretta collaborazione con le oltre cento imprese riunite nel Consorzio di aziende ELIS, che è anche centro d’innovazione e sviluppo attraverso i progetti realizzati da ELIS Innovation Hub e l’attività di supporto a start-up del programma Open Italy.

Sfoglia la gallery dell’evento

Il Real Madrid incontra la Scuola Sportiva ELIS

“Per noi è un onore essere stati scelti dal programma di scouting del Real Madrid tra tutte le società emergenti del territorio italiano, grazie alla nostra proposta che unisce al momento sportivo anche quello formativo”, ha dichiarato Marco Stomeo, Responsabile Scuola Sportiva ELIS. “Queste due giornate sono un’anticipazione del Summer Camp Clinic che ci sarà dal 20 al 24 giugno. Al termine delle cinque giornate, due atleti saranno scelti per allenarsi al Santiago Bernabeu e conoscere i loro giocatori del cuore.”

Un’esperienza indimenticabile per i tesserati della Scuola Sportiva ELIS che, nelle due giornate di giovedì 7 e venerdì 8 aprile, hanno avuto l’opportunità di partecipare a un allenamento organizzato in partnership con la Fundaciòn Real Madrid Clinic, uno dei club più importanti al mondo.

I ragazzi hanno avuto la possibilità di sperimentare la metodologia e la tecnologia usata dalla Cantera del Real Madrid, come le fotocellule in grado di registrare e analizzare la velocità della palla o del dribbling durante il gioco. Saranno proprio i dati raccolti in fase di allenamento a determinare chi avrà l’opportunità di recarsi a Madrid per vivere il sogno di ogni appassionato di calcio.

“La Fondazione Real Madrid realizza eventi sociali e sportivi in tutto il mondo con lo scopo di trasmettere i valori positivi associati allo sport, gli stessi che condividiamo e già troviamo in ELIS. Il calcio, come sport di squadra, educa i ragazzi alla socialità, al lavoro di gruppo e al rispetto dell’avversario”, ha commentato Massimo Baggiani, Coach e Sales Manager Central Italy per la Fundaciòn Real Madrid Clinic.

Accanto al momento di attività fisica, lo staff tecnico dei Galácticos ha tenuto una lezione teorica sui temi della tecnica calcistica e della cultura sportiva, condividendo i principi alla base dei traguardi raggiunti dalla scuola stessa.

Protagonisti della giornata sono stati i ragazzi dai 7 ai 16 anni iscritti alla Scuola Sportiva ELIS. “Essere allenati dai Coach del Real Madrid è stata un’esperienza unica per chi, come me, sogna di diventare calciatore. Da quando gioco in ELIS ho capito che lavorando sodo avrò un’opportunità per realizzare i miei obiettivi.” Queste le parole di Alessandro, 16 anni, che gioca nella prima squadra.

Il Centro Estivo della Scuola Sportiva ELIS

La Scuola Sportiva coinvolge a oggi circa 500 tesserati, tra ragazzi e ragazze del quartiere, figli dei dipendenti ELIS e adulti che partecipano alle attività proposte. A raccogliere il maggior numero di iscritti è proprio la scuola calcio, con circa 300 ragazzi che si allenano presso le strutture messe a disposizione dalla Scuola. Subito dopo, per numero di tesserati, si trovano le classi di pallavolo e basket, e a seguire danza, ginnastica artistica e ginnastica posturale, quest’ultima rivolta a un pubblico più adulto.

Anche quest’anno, la Scuola Sportiva ELIS si prepara ad accogliere i ragazzi del quartiere Tiburtino con le attività del Centro Estivo da giugno a settembre. La proposta, rivolta alla fascia d’età 4-14 anni, spazia dallo sport ai laboratori teatrali, musicali, di espressione e di movimento. Il prezioso contributo dei volontari è pensato per offrire ai più giovani anche un supporto psicologico e didattico, con corsi di educazione alla nutrizione e di educazione al digitale.

Tutte le attività ludiche e ricreative sono pensate per stimolare la creatività dei ragazzi e la loro capacità di esprimersi e relazionarsi con gli altri, in un ambiente seguito e sereno che punta allo sviluppo integrale della persona.

School4Life, aziende e scuole insieme contro l’abbandono scolastico

Al via in tutta Italia il progetto promosso da ELIS e da 11 grandi aziende, per contrastare l’abbandono scolastico degli studenti delle scuole superiori. School4Life avrà la durata di due anni e prevede attività di orientamento rivolte ai giovani a rischio di abbandono, e ad iniziative a supporto di famiglie e docenti.

L’obiettivo è di coinvolgere complessivamente 15.000 studenti su tutto il territorio nazionale, con particolare attenzione alle Regioni in cui il fenomeno è più diffuso. Secondo i dati del Ministero dell’Istruzione, nell’ordine, principalmente: Sardegna, Campania, Sicilia, Lombardia e Liguria.

Rispetto agli obiettivi fissati da Bruxelles con la strategia Europa 2020 per riportare i tassi di abbandono sotto la soglia del 10%, il Rapporto Istat sui Livelli di Istruzione 2021 rileva che nel nostro Paese la percentuale si attesta al 13,1, sul totale della popolazione scolastica. Un problema che si ripercuote direttamente sulle prospettive occupazionali e, più in generale, sulla capacità progettuale dei giovani.

Secondo il Rapporto OCSE 2019infatti, i disoccupati con licenzia media sono il doppio dei diplomati e quasi il quadruplo dei laureati.Inoltre, sempre secondo l’OCSE, l’abbandono scolastico prima del diploma contribuirebbe per il 35% al fenomeno dei “neet”, persone tra i 20 e i 24 anni che non studiano, non lavorano né cercano un’occupazione. Nel 2020 erano più di 2 milioni, secondo i rilevamenti Istat.

Grazie alla collaborazione tra scuole e imprese, School4Life sarà in grado di affrontare le difficoltà sperimentate dai giovani, unendo competenze didattiche e pedagogiche con una conoscenza dei saperi in relazione al mondo del lavoro. Le attività di orientamento con gli studenti vedranno coinvolti tra gli altri, come role model e mentorprofessionisti delle aziende e studenti universitari.

Incontri di orientamento si alterneranno con la realizzazione di progetti di gruppo, maratone di creatività (creathone altre attività pensate per offrire momenti di confronto e apprendimento su base esperienziale. Programmi formativi per docenti, webinar per genitori e lo sportello “Noi Restiamo” per il recupero di situazioni a rischio, saranno invece gli strumenti rivolti agli adulti che accompagnano i ragazzi nel loro percorso scolastico.

Il Programma mira anche a promuovere l’avvicinamento della popolazione studentesca femminile alle materie STEM (Science, Technology, Engineering, Mathematics), competenze che sono ancora principalmente appannaggio in Italia dell’universo maschile, ma che determineranno sempre più in futuro le opportunità di lavoro. Secondo un’indagine realizzata lo scorso febbraio da ELIS in collaborazione con Skuola.net su un campione di 3.000 studenti di scuola superiore, più della metà delle studentesse intervistate ha dichiarato di avere una conoscenza di queste materie appena sufficiente, scarsa o nulla.

School4Life vede coinvolti Ansaldo Energia, Banco BPM, Enel, Eni, Fincantieri, Fondazione Ernesto Illy, Intesa Sanpaolo, Leonardo, Poste Italiane, UniCredit e Fondazione Snam. Il progetto è coordinato da ELIS, ente non profit di formazione e consorzio che raccoglie intorno a sé oltre 100 grandi gruppi e pmi italiane.

Grazie alle iniziative portate avanti negli ultimi quattro anni da ELIS con i suoi partner aziendali nell’ambito del Programma Sistema Scuola-Impresa, il progetto School4Life potrà avvalersi di una rete consolidata di oltre 600 scuole in tutta Italia.

OPEN WEEK, 5 giornate per orientare studenti, docenti e famiglie ai “mestieri del futuro”

Si è chiusa oggi la settimana di orientamento per raccontare ai giovani la direzione del mercato del lavoro nei prossimi anni, con focus sui temi della transizione ecologica e digitale, delle discipline STEM e della parità di genere. 

Un’iniziativa più che mai necessaria, se si guarda ai dati emersi dallo studio “Orientamento Post Diploma” condotto su un campione di 3.000 studenti di tutta Italia

“La formazione scolastica deve sostenere i giovani nel loro progetto di vita, valorizzando le loro propensioni culturali e professionali.” ha dichiarato Gianluca Sabatini, Responsabile Formazione Manageriale e Marketing Operativo ELIS. “È necessario sviluppare una didattica che sia esperienza e relazione.”

Nell’arco di una settimana oltre 700 ragazzi hanno avuto l’opportunità di confrontarsi con professionisti aziendali, svolgere attività laboratoriali e incontri ispirazionali con le Role Models delle imprese del Consorzio ELIS. Un’occasione preziosa di orientamento ai mestieri del futuro, ma anche un momento di formazione che ha previsto l’acquisizione di competenze tecniche e trasversali. 

Consapevolezza, competenze e parità di genere: i dati

La ricerca dedicata all’orientamento post diploma condotta da ELIS e Skuola.net a febbraio 2022 su un campione di 3.000 studenti di tutta Italia, ha indagato sul modo in cui gli studenti delle scuole superiori oggi guardano al mondo del lavoro, con un’attenzione particolare alle discipline STEM e ai temi della parità di genere. 

Il questionario ha messo in evidenza che il 44% dei ragazzi si dichiara abbastanza o del tutto disorientato rispetto a cosa fare dopo il diploma. Un risultato che preoccupa, soprattutto se si pensa che il 65% degli intervistati è tra il terzo e quinto anno di scuola superiore.

Scorrendo l’indagine, emerge che solo uno studente su quattro si aspetta di ricevere orientamento dalla scuola o dall’università, sintomo di una mancanza di progettualità che accompagni i più giovani nella scoperta di se stessi e delle proprie aspirazioni.

Ben più ottimistici, invece, sono i dati che sottolineano una forte intraprendenza e spirito imprenditoriale, aspirazioni che dovrebbero essere valorizzate attraverso specifici programmi formativi, in grado di orientare al mondo del lavoro e rendere ciascuno studente consapevole dei propri talenti. È proprio qui che si inserisce l’impegno di ELIS con le attività del Programma Scuola-Impresa, portate avanti in sinergia con oltre 200 scuole in tutta Italia.

Un altro dato critico riguarda le materie STEM, sulle quali il 52% degli intervistati ritiene di avere una preparazione insufficiente. A fronte della transizione ecologica e digitale che il mondo sta vivendo, nei prossimi anni le discipline STEM saranno considerate sempre più un parametro di alfabetizzazione, oltre a essere competenze imprescindibili per il mondo del lavoro.      

A questo proposito ELIS ha recentemente lanciato il Liceo della Transizione Ecologica e Digitale (Liceo TRED), un progetto ambizioso che propone un percorso quadriennale sperimentale. Le prime classi partiranno con il prossimo anno scolastico grazie agli Istituti aderenti in tutta Italia. 

Molto positivo invece il dato dell’Osservatorio sulla percezione delle materie STEM rispetto alle tematiche di genere. Superati gli stereotipi del passato, che hanno creato gravi barriere culturali e professionali alle donne, la differenza tra maschi e femmine nelle possibilità di successo ad affrontare un percorso di formazione e carriera nelle materie STEM è oggi dichiarata non rilevante dall’88% dalle ragazze intervistate

Anche su questo fronte ELIS è attiva da anni nelle scuole con il progetto delle Role Model, professioniste d’azienda che portano ai ragazzi e alle ragazze delle scuole italiane una testimonianza diretta di come sia possibile conciliare con successo lavoro e vita privata, raggiungendo anche dei ruoli di spicco all’interno di grandi aziende. Un modo, questo, di abbattere gli stereotipi legati alle possibilità di carriera per le donne e di fornire, soprattutto alle giovani studentesse, dei modelli positivi e concreti

A queste attività, infine, si affiancano anche gli incontri con i Maestri di Mestiere, professionisti delle aziende partner di ELIS che raccontano ai ragazzi il loro lavoro e la preparazione culturale e tecnica che presuppone, al fine di orientarli nelle loro scelte e renderli più consapevoli nel tracciare il loro percorso di vita.

Gli studenti ELIS dell’Accademia di Fibra Ottica entrano nel mondo del lavoro, il giorno stesso del diploma

“Usciti da qui, sarete dei veri e propri ambasciatori di questo progetto. L’augurio è che possiate farvi portatori delle nuove competenze che avete appreso e condividerle nell’ottica di un’operazione più ampia, che riguarda il futuro dell’intero Paese”, ha dichiarato in apertura dell’evento Alessandro Turco, Direttore della Formazione Industria Digitale.

Hanno discusso i loro progetti venerdì e il lunedì dopo erano già a lavoro. ELIS e Manpower, in dialogo costante con le imprese che erogano i servizi per Open Fiber, hanno reso possibile l’inserimento in somministrazione con contratto a tempo indeterminato.

“Grazie alla forte sinergia tra l’expertise di Manpower ed Elis e le competenze di alto livello di Open Fiber, siamo riusciti a soddisfare sia le aspettative di aziende provenienti da tutta Italia appartenenti all’indotto Open Fiber, sia in particolare dei candidati inseriti nel corso che, a partire da lunedì, hanno iniziato a lavorare in azienda con un inserimento immediato”, ha commentato Mattia Guffanti, Strategic Client Manager presso Manpower.

Il corso “Progettisti FTTH” si rivolge a studenti provenienti da percorsi professionali e accademici eterogenei, come testimoniano i ragazzi laureati in Filosofia e Archeologia presenti in aula lo scorso venerdì. È erogato nell’ambito dell’offerta formativa di Industria Digitale ed è pensato per completare le competenze specifiche per svolgere operativamente la progettazione ottica e civile delle reti di trasporto e di accesso di Open Fiber.

“La sfida più grande che ci aspetta nei prossimi anni è quella di riuscire a cablare l’intero Paese.ha commentato Ivan Rebernik, Direttore del Personale e Organizzazione di Open FiberLa disponibilità di personale qualificato in grado di svolgere questo lavoro e che voglia cogliere la nostra sfida è un presupposto indispensabile per costruire l’autostrada digitale per il futuro”.

Presenti all’evento anche i referenti delle aziende Proeng, Capgemini, Intratel, Soluzioni Globali e Powertel, che hanno assistito alla presentazione dei progetti di gruppo dei corsisti, oggi dipendenti presso le loro stesse imprese.

https://youtu.be/PLOONhItiR4

Accademia italiana della Fibra Ottica

L’area formativa di Industria Digitale ELIS propone specializzazioni nell’ambito del settore dell’Information and Communication Technology, tutte pensate in risposta a un concreto bisogno del mercato di acquisire figure professionali con competenze specifiche e modulate sui reali bisogni delle aziende.

In questo senso, l’Accademia italiana della Fibra Ottica di ELIS nasce grazie a una stretta collaborazione con le imprese di settore che si sono associate su iniziativa di Open Fiber, e offre un percorso finalizzato all’inserimento professionale nelle imprese di reti ottiche e civili.

“Nelle prime settimane abbiamo appreso le nozioni teoriche, lo sviluppo del progetto ci ha poi permesso di metterle in pratica e farle nostre. Il risultato finale è stato molto gratificante e, in ogni momento del percorso, abbiamo avuto docenti disponibili a spiegazioni e supporto alla didattica”, ha affermato uno dei corsisti durante l’esposizione del progetto di gruppo.

L’Accademia italiana della Fibra Ottica permette a chiunque di riqualificarsi professionalmente o acquisire conoscenze all’avanguardia nel settore, come hanno testimoniato le esperienze degli studenti presenti alla cerimonia di chiusura. Una giornata importante che vede il pieno compimento della mission ELIS di formare persone al lavoro, con un placement del 100% per i partecipanti al corso.

Scopri l’Accademia italiana della Fibra Ottica e Sfoglia la gallery dell’evento.

Si conclude la Winter School 2021 di Junior Consulting: l’action learning per i giovani che vogliono entrare nel mondo della consulenza aziendale

È giunta al termine la prima fase dell’evento di formazione nell’ambito della consulenza aziendale, che si è svolta online dal 13 al 16 dicembre. Al centro del programma le cinque CEO Live Case a cui hanno preso parte Campari, Acea, Generali, A2A e Sky.

“Con questa serie di incontri vogliamo stimolare i ragazzi a pensare fuori dagli schemi. Il fatto di non avere ancora una visione influenzata dall’esperienza può essere una grande risorsa per le aziende, che in questo modo possono contare su idee originali e autenticamente innovative”, ha dichiarato Luigi de Costanzo, Direttore di ELIS Innovation Hub.

Per questa edizione della Winter School, trenta studenti desiderosi di mettersi alla prova nel mondo della consulenza hanno ascoltato gli interventi di sette CEO e Top Manager di aziende partner ELIS. I relatori hanno ripercorso la propria esperienza lavorativa e le

competenze acquisite nel tempo per arrivare a ricoprire i ruoli attuali. Hanno inoltre raccontato le trasformazioni avvenute nel settore in cui operano, fornendo ai ragazzi modelli valoriali e professionali per la propria carriera.

Il ciclo di incontri ha offerto ai partecipanti la possibilità di costruire competenze verticali e applicarle sul campo in collaborazione con le aziende, per rispondere alle sfide di un mondo del lavoro in costante cambiamento.

Un futuro ricco di opportunità

Secondo “The Future of Jobs Report 2020le skills professionali più richieste entro il 2025 saranno l’attitudine al pensiero critico, analitico e innovativo, l’active learning, la capacità di leadership, il problem solving, il creative thinking e il personal branding. Competenze già oggi molto ricercate dal mercato ma, come hanno sottolineato i referenti aziendali presenti agli incontri, ancora piuttosto difficili da reperire.

Lo scenario che si apre è dunque ricco di opportunità per i giovani professionisti che aspirano a lavorare come consulenti. Tutte le CEO Live Case hanno sottolineato l’importanza di confrontarsi con risorse nuove, capaci di portare una reale innovazione, non ancora condizionata dalla visione aziendale.

“Solo un approccio imprenditoriale può garantire un reale coinvolgimento di tutte le persone che fanno parte di un progetto. Il mio consiglio a chi è agli inizi di un percorso di carriera è quello di allenare sempre il pensiero laterale e non avere paura di proporre soluzioni alternative. È questo ciò che fa la differenza”, ha affermato Andrea Duilio, Chief Executive Officer presso Sky Italia.

La seconda fase del progetto

Al ciclo di incontri di formazione intensiva seguirà un’esperienza reale su un progetto di consulenza, a cui potranno accedere i partecipanti che avranno superato un’ulteriore selezione e che potranno apprendere i principi del project management per l’utilizzo delle metodologie e degli strumenti per la gestione efficace dei progetti.

Le competenze acquisite preparano all’inserimento in un team di consulenza di ELIS Innovation Hub e allo svolgimento di un progetto in un ambito tra sviluppo di prodotti e servizi innovativi, efficientamento dei processi, analisi dati e business intelligence, e sviluppo software.


Il periodo di lavoro sul progetto di consulenza potrà poi essere convalidato dall’università dei partecipanti in qualità di tirocinio formativo e diventare argomento della Tesi di Laurea.

Scopri di più su Junior Consulting.

Torna l’Hackathon MIDAS

Il 14, 15 e 16 dicembre si svolgerà in presenza, presso la sede ELIS di Roma, la maratona digitale del Master AI & Data Science.

L’evento è rivolto agli studenti provenienti dal Master in AI & Data Science, a quelli provenienti dal percorso di Ingegneria informatica svolto in collaborazione con il Politecnico di Milano e ai ricercatori dei Joint Research Program

Sono partner dell’evento Deloitte, Enel, Sky, Telepass e Yoox, che con le loro challenge permetteranno ai partecipanti di mettersi alla prova, dimostrare le proprie competenze su casi reali e realizzare dei prototipi di soluzione.

Nelle settimane precedenti all’Hackathon, i partecipanti hanno seguito un ciclo di seminari formativi sulla metodologia del Design Thinking per prepararsi alla risoluzione delle challenge. Inoltre, ogni team sarà seguito da un team leader di ELIS Innovation Hub e un referente aziendale per indirizzare al meglio i propri risultati. Il team di ELIS Innovation Hub supporta le aziende durante tutto il processo di definizione delle challenge e compone i team in modo da trovare il giusto mix di competenze.

Cinque sfide per un futuro data-driven

La capacità di raccogliere, visualizzare, leggere e interpretare dati è diventata sempre più importante per le aziende. Se considerati come uno strumento strategico a supporto del business, infatti, i dati possono generare valore concreto con il miglioramento di prodotti, servizi e processi.

La trasformazione in un’azienda data-driven non si basa solamente sull’utilizzo di nuove tecnologie e strumenti di analisi ma su un vero e proprio cambiamento culturale che poggia sulla costruzione di competenze verticali e sulla loro applicazione sul campo. Proprio per questo ELIS Innovation Hub fa incontrare, in iniziative come l’Hackathon AI & Data Science, giovani di talento, esperti del mondo digitale e le grandi aziende per favorire la collaborazione e la condivisione di conoscenze, generando sviluppo e crescita per tutti gli attori coinvolti. 

L’edizione 2021 vede la partecipazione di Deloitte, Enel, Sky, Telepass e Yoox che metteranno alla prova i partecipanti con 5 challenge in ambiti come Fraud Detection, Pattern Recognition, Sentiment Analysis, Forecasting e Customer Analytics.

Le challenge dell’edizione 2021

La challenge di Deloitte ha come obiettivo quello di analizzare il linguaggio usato dagli utenti sui Social Media per comprendere le loro emozioni e classificare la tipologia del commento (positivo, negativo, neutro). 

L’obiettivo della challenge proposta da Enel è la previsione della domanda di energia elettrica nelle diverse zone d’Italia, con lo scopo finale di migliorare la strategia d’offerta.

SKY è interessata a identificare in anticipo anomalie che generano messaggi di errori per il proprio device SET TOP BOX al fine di migliorare l’esperienza dei propri clienti.

Nell’ambito dei propri servizi di pagamento, Telepass punta a studiare il comportamento di acquisto dei propri clienti per migliorare la propria offerta con nuovi prodotti personalizzati sulle loro esigenze.

La sfida proposta da Yoox è quella di prevenire potenziali truffe sulla propria piattaforma e-commerce andando a studiare comportamenti illeciti ricorrenti ed identificare i frodatori.

Il Master AI & Data Science 

L’hackathon si svolge nel contesto del Master AI & Data Science per consentire ai corsisti di mettersi alla prova su progetti reali commissionati dalle aziende, coerentemente con la metodologia ELIS della formazione in assetto lavorativo.

https://youtu.be/f-HF9W3VP2w

Tutti i contenuti e le esperienze previste durante le 13 settimane di corso sono pensate per fornire competenze digitali utili per un’immediata accelerazione del proprio percorso e per ottenere la qualifica professionale di Data Scientist, Data Analyst, Data Engineer e Business Analyst.

ELIS cura anche lo sviluppo delle competenze trasversali dei suoi studenti e, grazie ad attività quali l’Hackathon, forma professionisti in grado di affrontare il lavoro in maniera più ampia, per relazionarsi al meglio anche con colleghi e manager nel contesto di lavoro di gruppo e non solo.

Scopri il Master in AI & Data Science.

Friday Work: la prima piazza dei mestieri romana è al Doposcuola ELIS

Nasce la prima piazza dei mestieri romana. Partiranno infatti il prossimo 29 ottobre i Friday Work, appuntamenti settimanali per creare il matching tra domanda e offerta di lavoro. Una vera e propria agorà, nel cuore di Casal Bruciato, all’interno della quale ragazzi e imprenditori del territorio avranno la possibilità di presentarsi e stringere relazioni professionali.

“L’idea nasce con un duplice obiettivo”, spiega Pierluigi Bartolomei, Direttore Generale della Formazione Professionale ELIS e ideatore dell’iniziativa. “Da un lato per aiutare i giovani che escono prematuramente dal circuito scolastico – compresi immigrati e chiunque cerchi stabilità lavorativa – a trovare immediatamente un’occupazione. Dall’altro per aiutare i datori di lavoro – artigiani e imprenditori – a trovare in breve tempo il personale di cui hanno bisogno”. E continua: “L’idea è che Roma si doti di una piazza nella quale si incontri chi cerca lavoro e chi lo offre”.

Un ponte quindi tra i piccoli e medi imprenditori del territorio, in cerca di chi “sappia fare”, e i giovani del Doposcuola, italiani e stranieri, ma anche inoccupati o disoccupati (i cosiddetti NEET).

I ragazzi, se selezionati dai datori di lavoro, avranno la possibilità di essere avviati a un’esperienza gratuita di preparazione al lavoro di 3 settimane, che comprenderanno formazione teorica, pratica e una settimana di volontariato ed educazione civica.

“Tutti i giorni offriamo gratuitamente ai ragazzi del Centro di formazione professionale ELIS e ai ragazzi del quartiere di Casal Bruciato un’alternativa di valore per i loro pomeriggi”, aggiunge Marco Castrovillari, Tutor Formativo del Doposcuola ELIS. “L’iniziativa dei Friday Work intende offrire un’alternativa anche per il loro futuro lavorativo”.

Il tempo è talento: il Doposcuola ELIS come luogo di incontro e crescita comune

Accanto al nuovo progetto dei Friday Work, il Doposcuola ELIS ripartirà con le consuete attività il prossimo 4 ottobre. Anche quest’anno i ragazzi del Centro di Formazione Professionale ELIS e i ragazzi del quartiere potranno ricevere il supporto di tutor formativi per i loro percorsi scolastici, che li guideranno non solo nello studio pomeridiano ma anche nella crescita personale e professionale.

“Il desiderio è quello di creare una triangolazione tra il Doposcuola, i ragazzi e le loro famiglie, con cui manteniamo un dialogo costante”, spiega Marco Castrovillari. “Vogliamo offrire ai giovani uno spazio protetto, un luogo dove possano divertirsi ma anche imparare”, ha proseguito Castrovillari. “Quello che vogliamo insegnare ai ragazzi è che il tempo è talento. Per questo li alleniamo a sfruttarlo al massimo, lavorando sulle virtù e sugli aspetti educativi che la scuola non riesce a curare”.

Insieme ai volontari ELIS, tutti i pomeriggi, dal lunedì al venerdì, i ragazzi si riuniscono in un luogo in cui crescere. Il Doposcuola è infatti un progetto che offre gratuitamente agli adolescenti un’alternativa alla strada, e dove i ragazzi del centro IeFP ELIS si incontrano con altri coetanei, italiani e stranieri, pranzando, studiando insieme e praticando attività sportive e ludiche, tra cui basket, karate e chitarra. E da quest’anno il Doposcuola si è arricchito con postazioni di gaming.

Non solo studio e sport, ma anche attività di servizio al territorio. I ragazzi continueranno infatti a prendersi cura del quartiere e in particolare di piazza Balsamo Crivelli, adottata lo scorso anno con l’autorizzazione del comune di Roma, insieme agli amici della comunità “Ridaje”.

“La bellezza educa, e con questo progetto vogliamo riuscire a trasmettere ai ragazzi il valore del lavoro non come obbligo, ma come servizio al prossimo”, conclude Marco Castrovillari.

Per maggiori informazioni sul Doposcuola, clicca qui.

Partecipa gratuitamente al primo incontro dei Friday Work: appuntamento il 29 ottobre alle ore 15:00 presso il Doposcuola ELIS. Meeting Point: via Carlo Alberto Cortina, 8. È obbligatoria la prenotazione (3207769921).

È in partenza il corso di “Tecnico di rete NOC” con Experis Academy ed ELIS

Experis Academy, ELIS & Lutech insieme per affiancare giovani neodiplomati, valorizzandone gratuitamente la formazione professionale finalizzata all’inserimento aziendale.

Giovani diplomati in Telecomunicazioni, Informatica ed Elettronica, talentuosi, capaci e pronti per un immediato inserimento lavorativo: questo è il profilo ricercato da Experis Academy, in collaborazione con ELIS & Lutech, per offrire formazione gratuita e strutturata nell’ambito delle Tecnologie di Networking. 

La figura professionale in uscita sarà un Tecnico di rete NOC, ovvero uno specialista di Networking con competenze di IP Routing e Switching, Servizi di rete, Network Programmability e Automazione di rete e che ha il compito di monitorare e manutenere la rete, i server e le apparecchiature di telecomunicazione di un data center aziendale. 

Le docenze, svolte in un’aula virtuale, sono tenute da professionisti del settore che porteranno in aula la propria esperienza professionale. Il piano formativo affronterà l’intero percorso CCNA, CISCO Certified Network Associate, la più diffusa Certificazione Network a livello internazionale. Terminata la formazione, è previsto il rilascio di un certificato Open Badge digitale personale, riconosciuto a livello internazionale.

Il percorso formativo, ad accesso gratuito, avrà inizio il 13 settembre 2021 e terminerà il 15 ottobre 2021: 5 settimane di didattica full-time e lezioni intensive erogate dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 18

Vuoi specializzarti e acquisire competenze nell’ambito delle Tecnologie di Networking e dell’Automazione di rete? Invia la tua candidatura e partecipa al processo di selezione cliccando qui.

Il futuro appartiene a chi riesce a coglierne le opportunità. Costruisci il tuo con Experis Academy, ELIS & Lutech!

Sistema Scuola Impresa 2021: i numeri

Un ultimo incontro tra gli studenti e le Role Model prima della pausa estiva, per dare uno sguardo al percorso di quest’anno.

Il progetto Sistema Scuola Impresa di ELIS nasce con l’obiettivo di ricondurre la scuola italiana alla sua naturale vocazione, ovvero quella di formare i giovani del futuro non solo a livello culturale, ma anche e soprattutto lavorativo. 

Un progetto che vede impegnate diverse aziende del panorama italiano in un rapporto costante con le scuole ma soprattutto con i giovani che le popolano. Sono loro, infatti, che possono illuminare sui bisogni del sistema scolastico. Affinché ciò avvenga devono però sapere cosa cercano le aziende. Entrano qui in gioco le “Role Model”, professioniste aziendali che con i loro valori incarnano il modello virtuoso del lavoro.

Un anno di incontri, di progetti e soprattutto di confronti che è terminato con l’evento del 28 luglio.

I numeri di Sistema Scuola Impresa, raccontati dalle Role Model

Sono 280 le protagoniste che hanno coinvolto 120 scuole e 14mila studenti in 146 Inspirational Talk e 63 incontri. Numeri che dimostrano la grande volontà del Paese di cambiare.

“Per generare il cambiamento, è necessario che tutti siano dalla stessa parte. Nel corso della nostra esperienza abbiamo incontrato ragazzi aperti all’ascolto e alle sfide del futuro: una generazione curiosa e desiderosa di migliorare la società”, ha commentato Florencia Menendez, una delle Role Model e Talent Management Specialist presso DHL Express Italy.

Insieme a lei hanno preso parte all’incontro anche Gabriella D’Elia di TIM e Claudia Ghelfi di A2A. Il loro intervento è stato un modo per raccontare e ricordare, insieme agli studenti coinvolti e partecipanti all’evento, i momenti degli Inspirational Talk. Non semplici incontri, ma occasioni di rappresentazione della vita aziendale, una modalità che ELIS propone per essere ponte tra le scuole e le imprese, e che genera valore offrendo spunti di crescita per i ragazzi.