Fondi interprofessionali

I fondi interprofessionali sono stati istituiti in base alla Legge 388/2000, che nell’art. 118 ne autorizza la nascita allo scopo di “promuovere […] lo sviluppo della formazione professionale continua, in un’ottica di competitività delle imprese e di garanzia di occupabilità dei lavoratori”.

I fondi interprofessionali sono organismi di natura associativa promossi dalle organizzazioni di rappresentanza delle Parti Sociali (sindacati, associazioni di imprese) attraverso specifici Accordi Interconfederali stipulati dalle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori maggiormente rappresentative sul piano nazionale.

I fondi interprofessionali finanziano progetti formativi individuali o di gruppo, aziendali, settoriali e territoriali, che le imprese in forma singola o associata decidono di realizzare per i propri dipendenti.

Possono aderire ai fondi interprofessionali PMI, Grandi Imprese, studi professionali, società cooperative, aziende agricole e, in generale, tutte quelle aziende che sono tenute a versare all’INPS per i propri dipendenti (dirigenti, quadri, impiegati e operai) il contributo dello 0,30% (il cosiddetto “contributo obbligatorio per la disoccupazione involontaria”). Dal 2009 anche le Aziende di servizi pubblici, a partecipazione pubblica totale e/o parziale, possono aderire in quanto obbligate al pagamento dei contributi INPS dello 0,30%. Lo stesso vale (ma dal 2013) per gli Enti Pubblici (Amministrazioni centrali e periferiche, Enti Locali, ecc.) per il personale assunto a tempo determinato.

L’adesione ai fondi interprofessionali è su base volontaria, non comporta alcun costo aggiuntivo per le imprese e in qualsiasi momento si può cambiare fondo o rinunciare all’adesione. Una volta effettuata si intende tacitamente prorogata. Per aderire basta chiedere all’INPS di trasferire il contributo dello 0,30% a uno dei “Fondi Paritetici Interprofessionali”. L’iscrizione avviene attraverso il Modello UNIEMENS (ex DM10), inserendo nello spazio dedicato (Gestione Fondi Interprofessionali) il codice del Fondo prescelto e il numero dei lavoratori dipendenti per i quali è previsto l’obbligo contributivo dello 0,30%.

I fondi interprofessionali finanziano attività formative in qualsiasi ambito, ad esempio: Salute e sicurezza dei lavoratori, Ambiente, Sviluppo organizzativo, Innovazione Tecnologica, Competenze di Base, Competenze Tecnico-professionali e Competenze Trasversali.

Il finanziamento richiesto viene accordato in seguito alla presentazione di progetti formativi con relativo piano finanziario, seguendo le indicazioni della modalità di finanziamento scelta. Ogni attività formativa deve avere il consenso delle rappresentanze imprenditoriali e sindacali, a livello aziendale, territoriale o categoriale.

Ogni fondo, secondo il proprio statuto, mette a disposizione delle aziende una o più modalità di finanziamento alla formazione.

Le principali modalità di finanziamento sono:

  • Conto Formazione: le aziende aderenti hanno la possibilità di accedere, in forma diretta, a una percentuale che varia dal 70% all’80% di quanto versato. La quota non destinata al Conto è utilizzata dai Fondi per finanziare in modo mutualistico il sistema degli Avvisi.
  • Avvisi Tematici o Generalisti: la restante quota versata e le risorse non utilizzare nei vari conti aziendali confluiscono in un unico conto collettivo che viene utilizzato per finanziare, mediante la pubblicazione di Avvisi, progetti che raggruppano più imprese in base a fabbisogni formativi comuni per territorio o settore.

Il conto formazione garantisce un accesso diretto al proprio accantonato (senza passare per Bandi o Avvisi) e una procedura più agevole e diretta di finanziamento per le aziende. Le risorse a disposizione sono quelle accantonate, proporzionali al numero dei dipendenti. Altro vantaggio importante, è la possibilità di progettare percorsi di formazione personalizzati e coerenti con le proprie necessità e disponibilità di tempo. Passati 2 anni dal versamento, le risorse accantonate e non utilizzate “scadranno”; saranno a quel punto stornate dal conto aziendale e confluiranno nel Conto Collettivo del Fondo.

Gli Avvisi permettono la partecipazione a Piani formativi complessi, tematici o generalisti, e l’accesso a finanziamenti per azienda anche molto maggiori rispetto alle somme accantonate dalla singola impresa. I Fondi pubblicano periodicamente Bandi e/o Avvisi pubblici in cui si apre una finestra temporale per presentare i Piani formativi, in forma singola, associata o affidandosi a un Ente Proponente (ELIS).

I principali fondi interprofessionali tramite cui ELIS opera sono Fondimpresa, For.Te. (per attività di formazione rivolte a quadri, impiegati e operai), Fondirigenti e FONDIR (dedicati ad attività formative per dirigenti).

Fondimpresa

Fondimpresa è il fondo interprofessionale per la formazione continua di Confindustria, Cgil, Cisl e Uil. Finanzia la formazione dei lavoratori nelle imprese aderenti e promuove la cultura della formazione come strumento essenziale per l’innovazione, lo sviluppo, la tutela dell’occupazione, la valorizzazione del capitale umano. È aperto ad aziende di ogni settore e dimensione e, per numero di imprese aderenti e attività realizzate, è di gran lunga il primo dei Fondi interprofessionali in Italia.

For.Te.

For.Te. è il fondo paritetico per la formazione continua dei dipendenti delle aziende aderenti al Fondo che operano nel settore terziario: commercio, turismo, servizi, logistica, spedizioni e trasporto. Al fondo aderiscono e possono aderire anche aziende di altri settori economici. È stato costituito tramite accordo tra Confcommercio, Confetra, Cgil, Cisl e Uil.

Fondirigenti

Fondirigenti è il fondo interprofessionale per la formazione continua dei dirigenti a cui si affidano 14 mila imprese e più di 80 mila manager, nato su iniziativa di Confindustria e Federmanager per favorire la diffusione della cultura manageriale nel Paese.

FONDIR

FONDIR è il fondo paritetico interprofessionale per la Formazione Continua per i Dirigenti delle imprese del settore del terziario. Il Fondo è stato costituito da Confcommercio, Abi, Ania, Confetra, Manageritalia, FIRST/CISL, Fidia e Unisin.

ELIS collabora con le aziende anche nella realizzazione di attività promosse da altri Fondi Interprofessionali, a seconda delle richieste pervenute.

ELIS si propone come punto di riferimento dell’azienda per la traduzione delle esigenze formative in progetti finanziabili tramite fondi interprofessionali, massimizzando il finanziamento e minimizzando i costi interni dell’azienda attraverso consulenza, orientamento e assistenza tecnica/operativa nell’uso delle diverse modalità di finanziamento dei fondi interprofessionali.

Monitoriamo costantemente le principali opportunità di finanziamento (fondi interprofessionali e fondi strutturali) e coinvolgiamo attivamente le aziende in progetti formativi che poi realizziamo.

Inoltre forniamo assistenza continua alle imprese durante tutte le fasi del processo di finanziamento, facendoci carico delle attività di:

  • Analisi di fattibilità progettuale e finanziaria
  • Stesura del piano formativo e presentazione della domanda di finanziamento
  • Gestione, monitoraggio e rendicontazione delle richieste di finanziamento

Per il Conto Formazione dei diversi fondi supportiamo le aziende tutto il territorio nazionale. Dal 2005 lavoriamo con Fondimpresa presentando progetti formativi a valere sugli Avvisi di Sistema.

Progetti sul Conto Formazione

ELIS prevede consulenza, orientamento e assistenza tecnica/operativa nell’uso del canale di finanziamento Conto Formazione con i fondi paritetici interprofessionali. Grazie a un team di esperti, ELIS garantisce anche l’erogazione di formazione di alto livello su numerosi ambiti formativi, con focus particolare nelle aree IT e Management Education.

Seguiamo l’azienda durante tutto il processo relativo alla formazione finanziata occupandoci di:

  • Monitoraggio delle principali possibilità di finanziamento
  • Supporto per la stesura degli accordi sindacali
  • Stesura piano formativo e presentazione
  • Consulenza amministrativa
  • Gestione e monitoraggio delle attività formative
  • Erogazione della formazione
  • Gestione e rendicontazione dei piani (comprensivo di revisore dei conti in possesso dei requisiti previsti per legge)
  • Intermediazione tra Fondo e Azienda

Progetti sugli Avvisi Fondimpresa

ELIS prevede consulenza, orientamento e assistenza nell’adesione ai progetti presentati con il canale di finanziamento degli Avvisi di Fondimpresa. Grazie a un team di esperti, ELIS garantisce anche l’erogazione di formazione di alto livello su numerosi ambiti formativi, con focus particolare nelle aree IT e Management Education.

Tutte le attività descritte sono a costo zero per l’azienda in quanto ELIS si occupa di presentare i progetti, e le aziende sono le beneficiarie della formazione. L’azienda non dovrà anticipare nessun costo.

Seguiamo le aziende durante tutto il processo relativo allo sviluppo dei Progetti sugli Avvisi Fondimpresa:

  • Scouting delle opportunità di finanziamento
  • Analisi di fattibilità progettuale e finanziaria
  • Supporto nell’adesione ai progetti
  • Richiesta accordi sindacali territoriali per il Piano
  • Stesura piano formativo e presentazione
  • Consulenza amministrativa
  • Gestione e monitoraggio delle attività formative
  • Erogazione della formazione
  • Gestione e rendicontazione del Piano

Ci proponiamo di migliorare l’esperienza delle aziende nel rapporto con i fondi interprofessionali, migliorando tutti gli aspetti possibili dal punto di vista dell’impresa. In particolare:

  • Rendiamo più efficienti le pratiche di gestione e monitoraggio e semplifichiamo i processi amministrativi
  • Aiutiamo a ottimizzare l’uso degli accantonati e snelliamo i processi di gestione del Conto Formazione riducendo l’effort per l’azienda
  • Promuoviamo l’adesione a progetti territoriali multiaziendali sugli Avvisi e manteniamo alti gli standard di qualità tramite la stesura di report periodici di monitoraggio

Riusciamo a garantire tutto questo grazie alla padronanza nell’uso delle piattaforme informatiche dei fondi acquisita con l’esperienza maturata in più di 15 anni di attività specifica e per mezzo di un team di esperti dedicato in back-office.

{{ row.title }}

{{ header.title}}